Rinnovo della patente: sarà il medico ad autorizzare la guida.

Ultimo agg. il 3 ottobre 2013

In attesa della nuova “card” darà una ricevuta valida per 60 giorni

Dopo la visita per il rinnovo della patente di guida d'ora in poi spetterà al medico consegnare all'interessato una ricevuta valida per la circolazione stradale.
Questo documento abiliterà alla guida al massimo 60 giorni ovvero fino al momento del ricevimento del duplicato della licenza vera e propria
.

Lo ha stabilito il decreto del ministero dei trasporti 9 agosto 2013 (pubblicato sulla G.U. n. 231 del 02/10/2013), che entrerà in vigore dopo 30 giorni dalla pubblicazione

In pratica alla scadenza della patente di guida non verranno più apposti timbri e adesivi ma verrà rilasciato ogni volta un duplicato del documento recante la nuova data di scadenza dello stesso.

La nuova procedura ha richiesto complessi passaggi tecnici dedicati soprattutto all'allineamento dei medici coinvolti nei rinnovi delle licenze e alla progressiva digitalizzazione: all'esito di ciascuna visita di controllo i medici e le strutture abilitate alle verifiche trasmetteranno telematicamente al CED della motorizzazione una comunicazione di avvenuto rinnovo completa con tutti i dati, la foto e la firma dell'interessato.
Al ricevimento di tutti questi dati il sistema informatico centrale della motorizzazione genererà automaticamente una ricevuta recante tutti i dati della patente di guida appena scaduta. Questo documento verrà immediatamente consegnato dal sanitario al titolare della licenza scaduta e ammetterà alla regolare circolazione l'intestatario per un periodo massimo di 60 giorni, fino all’arrivo della patente in formato Card senza più adesivi, timbri e diciture facilmente alterabili.

Stefano Manzelli su ItaliaOggi del 3 ottobre



Per saperne di più